INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 9 Scaligera utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA
> > Fitosanitari

Fitosanitari

 

Il rapporto è stato predisposto dall’ISPRA sulla base delle informazioni trasmesse da Regioni e Province autonome.

Il rapporto contiene i risultati delle indagini svolte nel biennio 2015-2016, in termini di frequenza di ritrovamento dei pesticidi e valori delle concentrazioni.

Nel biennio 2015-2016 sono stati analizzati 35.353 campioni ed effettuate 1.966.912 analisi. Il monitoraggio evidenzia una presenza diffusa di pesticidi nelle acque, con un aumento delle sostanze trovate e delle aree interessate. Nel 2016, in particolare, ci sono pesticidi nel 67,0% dei punti delle acque superficiali e nel 33,5% di quelle sotterranee. Sempre più evidente è la presenza di miscele, con un numero medio di circa 5 sostanze e un massimo di 55 sostanze in un singolo campione.

A partire dal 2003 è stato affidato ad ARPAV l'incarico di rilevare ed elaborare i dati relativi alle dichiarazioni annuali di vendita di prodotti fitosanitari (agrofarmaci) presentate dai Rivenditori nel Veneto.

L'archiviazione informatizzata dei dati di vendita ha prodotto banche dati "organizzate" preziose per l'attuazione di specifiche indagini.

In questi rapporti sono esposti i risultati dell'elaborazione dei dati di vendita

Rapporto 2017 (.pdf) 4,7 Mb Rapporto 2016 (.pdf) 1,9 Mb

Utilizzare i dispositivi di protezione individuale significa interporre una barriera idonea a separare la pelle e le vie respiratorie dai prodotti pericolosi

Alla fine del trattamento è necessario togliersi i Dispositivi di Protezione, inevitabilmente contaminati in modo più o meno importante. Farlo senza le necessarie precauzioni può diventare occasione di inquinamento per séstessi e dell’ambiente domestico.

Scarica (.pdf) 0,4 Mb

I prodotti fitosanitari utilizzati per proteggere le produzioni agricole e per contribuire alla cura del verde, se non correttamente impiegati, possono determinare conseguenze per la salute umana.

Alla fine del trattamento è necessario pulire l’attrezzatura gestendo in maniera sicura il residuo e l’acqua di lavaggio; sono operazioni che rappresentano punti critici, causa potenziale di importanti fenomeni di inquinamento.

Scarica (.pdf) 0,2 Mb

Controllo ufficiale sui residui di prodotti fitosanitari negli alimenti. Risultati per l'Italia nell'anno 2013

Le indagini effettuate dai Laboratori hanno riguardato i prodotti di origine vegetale: frutta, ortaggi, cereali, vino, oli, i baby food e tra gli altri prodotti anche i prodotti di origine animale oltre a trasformati di frutta, trasformati di ortaggi, trasformati di cereali, frutti e semi oleaginosi , legumi da granella, legumi da granella trasformati, piante da zucchero, piante da zucchero trasformate, frutti e semi oleaginosi trasformati , te-caffeerbeinfusionali- cacao, trasformati di te-caffe-erbe-infusionali-cacao, carne e derivati, uova, miele, latte e suoi derivati, pesci, spezie e loro trasformati, lumache.

Gli obiettivi dell’elaborazione effettuata sono diretti a verificare i risultati del piano di controllo nazionale sia in termini di adesione allo stesso da parte delle strutture territoriali, sia in relazione all’esito delle analisi effettuate, al fine di una puntuale valutazione del rischio per la salute pubblica derivante dal grado di contaminazione dei prodotti alimentari

In Italia, la Conferenza permanente Stato Regioni in data 8 aprile 2009 ha adottato l’Accordo recante: “Adozione del Piano di controllo sull’immissione in commercio e l’utilizzazione dei prodotti fitosanitari per il quinquennio 2009-2013”.

Tale accordo riporta indirizzi operativi omogenei per tutto il territorio nazionale per consentire l’attuazione da parte delle Regioni/Province di un piano di controllo sull’immissione in commercio e l’utilizzazione dei prodotti fitosanitari per il suddetto quinquennio, al fine di accertare il rispetto delle condizioni di autorizzazione dei prodotti fitosanitari in circolazione e il loro utilizzo conformemente a tutte le indicazioni riportate nelle etichette, in applicazione delle buone pratiche fitosanitarie.

Scarica (.pdf) 16 Mb
 
Ultimo aggiornamento: 29/03/2019
Condividi questa pagina:
Contatti