INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 9 Scaligera utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA
> > > > Prodotti ad alto contenuto di sale

Prodotti ad alto contenuto di sale

Molto spesso alcuni alimenti non sono considerati come possibili apportatori di sale

Presenza di sale nei prodotti trasformati di uso quotidiano.

Il sodio si trova soprattutto nel sale e negli alimenti salati, ma le fonti di sodio nell'alimentazione sono di varia natura:

  • il sodio contenuto allo stato naturale negli alimenti (acqua, frutta, verdura, carne, ecc.) - rappresenta appena il 10% dell'apporto totale;
  • il sodio contenuto nel sale aggiunto nella cucina casalinga o a tavola - rappresenta in media il 35% dell'assunzione totale;
  • il sodio contenuto nei prodotti trasformati (artigianali e industriali) nonché nei consumi fuori casa - è pari a circa il 55% dell'apporto totale.

Secondo l'Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione più della metà del sodio (54%) è contenuto nei cibi conservati e precotti (è quello utilizzato nella preparazione industriale).

Quello presente nei cibi freschi è molto meno (circa il 10%) e quello aggiunto con il sale quando si cucina o in tavola è circa il 36%.

Tra i prodotti trasformati, la principale fonte di sale nella nostra alimentazione abituale è rappresentata dal pane e dai prodotti da forno (biscotti, crackers, grissini, ma anche merendine, cornetti e cereali da prima colazione).

Si tratta di alimenti che comunemente non vengono considerati come possibili apportatori di sale, ma che invece ne contengono più di quanto pensiamo.

Infatti i derivati dei cereali sono una fonte importante di sale, anche perché li consumiamo tutti i giorni e in quantità più elevate rispetto a insaccati, formaggi, conserve di pesce o patatine fritte, che in assoluto contengono maggiori quantità di sale ma sono consumati in quantità minori. Basta per esempio una pizza per raggiungere la quantità limite giornaliera (2 grammi).

Ci sono cibi che contengono discrete quantità di sodio, anche se non sembrano salati.

È il caso per esempio di alcuni tipi di cereali per la colazione o di biscotti: questo può accadere perché il sodio presente viene nascosto alle nostre papille gustative dallo zucchero presente fra gli ingredienti. Il consiglio è dunque quello di abituarsi a consultare l'etichetta dei cibi che consumiamo.

Anche alcuni condimenti utilizzati in sostituzione o in aggiunta al sale sono ricchi di sodio.

È il caso, per esempio, del dado da brodo, del ketchup e della salsa di soia. È quindi auspicabile moderare l'uso di questi condimenti.

 
Ultimo aggiornamento: 16/11/2018
Condividi questa pagina:
Contatti