INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 9 Scaligera utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA

Pausa pranzo

Anche se si mangia fuori casa, è importante che l'alimentazione durante la giornata lavorativa sia equilibrata sia dal punto di vista della salute sia da quello del rendimento

I cambiamenti dello stile di vita hanno portato a consumare spesso un pasto fuori casa, utilizzando mense scolastiche, ospedaliere, assistenziali, aziendali, commerciali.

Secondo la Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE) nel 2010 oltre 12 milioni di italiani pranzano abitualmente fuori dalle mura domestiche e altri 3 milioni vi consumano la cena.
 

Anche se si mangia fuori casa, è importante che l'alimentazione durante la giornata lavorativa sia equilibrata sia dal punto di vista della salute sia da quello del rendimento.

Infatti, sane abitudini alimentari permettono di mantenere un buono stato di salute, prevenendo determinate malattie croniche, ma aiutano anche a migliorare il rendimento sul lavoro.

Così come è da evitare un pasto ipercalorico, anche un pranzo troppo scarso non è una buona abitudine e può incidere oltre che sullo stato di salute anche sulla produttività, riducendola del 20% (fonte: International Labour Organization).

Una giornata alimentare bilanciata dovrebbe essere suddivisa in 5 pasti, in cui siano inclusi anche 2 spuntini, a metà mattinata e a metà pomeriggio, con la seguente ripartizione dell'apporto energetico:

  • 20% colazione;
  • 5% spuntino di metà mattina;
  • 40% pranzo;
  • 5% spuntino di metà pomeriggio;
  • 30% cena.

Le calorie dovrebbero essere ripartite tra i macronutrienti come di seguito riportato:

  • 60% carboidrati;
  • 15% proteine;
  • 20-25% grassi
Anche al lavoro, la chiave per un buono stato di salute è avere uno stile di vita attivo: per praticare un'attività fisica moderata è sufficiente camminare nelle pause o negli spostamenti di lavoro, utilizzare la bicicletta per andare in ufficio oppure scendere una fermata prima dall'autobus per camminare un po', salire le scale a piedi anziché utilizzare gli ascensori.

Consumala a mensa, durante le pause o le riunioni di lavoro

 Scarica (.pdf) 4,2 Mb
Ultimo aggiornamento: 02/12/2018
Condividi questa pagina:
Contatti