INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 9 Scaligera utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA
> > Acque per consumo umano

Manuali acque per consumo umano

 

Le alluvioni rappresentano il disastro naturale più comune a livello mondiale.

L'acqua del rubinetto potrebbe diventare non potabile e causare problemi di salute. Germi e batteri possono proliferare in casa, nell'acqua e nel cibo e provocare malattie gastroenteriche

  Scarica (.pdf) 1 Mb

"Linee guida per la valutazione e gestione del rischio nella filiera delle acque destinate al consumo umano secondo il modello dei Water Safety Plans". Istituto superiore di sanità - 2014.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha introdotto un decennio fa il modello dei Water Safety Plans (Piani di Sicurezza dell'Acqua, PSA) come il mezzo più efficace per garantire sistematicamente la sicurezza di un sistema idropotabile, la qualità delle acque fornite e la protezione della salute dei consumatori.

Il modello, seguito in queste linee guida, persegue una valutazione e gestione dei rischi integrata, estesa dalla captazione al rubinetto, per la protezione delle risorse idriche di origine e il controllo del sistema e dei processi, al fine di garantire nel tempo l'assenza di potenziali pericoli di ordine fisico, biologico e chimico nell'acqua disponibile per il consumo.

Il rapporto nazionale pesticidi nelle acque viene realizzato a partire dal 2003 dall'ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale - nel contesto della regolamentazione nazionale dei pesticidi.

Tiene conto della normativa per la tutela delle acque, che con la direttiva quadro acque (DQA) [Dir. 2000/60/CE] e le direttive figlie, stabilisce i criteri per lo sviluppo delle reti e per l’esecuzione del monitoraggio e fissa standard di qualità ambientale per un certo numero di sostanze "prioritarie".

Il rapporto contiene i dati statistici del biennio 2011 - 2012 sulla presenza di pesticidi nelle acque superficiali e sotterranee, in termini di frequenza di ritrovamento e distribuzione dei valori delle concentrazioni

I dati elaborati nel report si riferiscono a campioni dell’acqua distribuita dalla rete acquedottistica ed erogata da opere di captazione autonoma a rilevanza pubblica.

I Servizi Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN) delle Aziende ULSS e i laboratori di ARPAV hanno mantenuto la sorveglianza sanitaria sull’acqua distribuita da 733 reti acquedottistiche venete e sull’acqua di alcuni approvvigionamenti autonomi di rilevanza pubblica (244).

Nel 2013 sono stati visitati 3.843 siti di controllo ubicati in 578 comuni. Sono stati raccolti 8.029 campioni ed eseguite 193.613 analisi di 230 parametri chimici, fisici e microbiologici. Fonte: ARPAV

Una progettazione non adeguata e una cattiva gestione dei sistemi idrici negli edifici possono causare epidemie.

Con l'incremento dell'urbanizzazione globale, l'esposizione complessiva della popolazione umana ai sistemi idrici degli edifici mal progettati o gestiti sta aumentando rapidamente

Scarica (.pdf) 0,7 Mb

In occasione della Giornata mondiale dell'acqua, istituita dall'ONU e celebrata ogni 22 marzo, l'Istat fornisce un quadro di sintesi sull'approvvigionamento di acqua a uso potabile e sui consumi di acqua delle famiglie.

I dati diffusi provengono da indagini condotte dall'Istat negli ultimi anni: in particolare "Rilevazione sui servizi idrici", "Dati ambientali nelle città", "Aspetti della vita quotidiana" e "Consumi delle famiglie".

Indicazioni tratte dalle linee guida DELL'OMS sulla qualità dell'acqua destinata al consumo umano.

Questo lavoro ha lo scopo di fornire delle indicazioni tratte dalle Linee Guida riguardo alla gestione dell'acqua destinata al consumo umano al fine di garantirne la qualità più elevata possibile; i parametri indicati nel Decreto Legislativo del 2 febbraio 2001 n. 31 (“Attuazione della direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano”), la normativa italiana di riferimento attuale1; la disinfezione dell'acqua destinata al consumo umano

Campagna di sensibilizzazione del Comune di Verona per promuovere l'uso dell'acqua proveniente dall'acquedotto domestico.

L'acqua di Verona è ben più che potabile: è tra le migliori acque d'Italia, è controllata con oltre 6000 analisi all'anno, è economica: 1 litro costa solo 0,0011 euro e una famiglia di 4 persone può risparmiare fino a 300 euro all'anno, è comoda perché arriva direttamente a casa tua, è ecologica: meno rifiuti da imballaggi, meno petrolio per plastica e trasporti, meno traffico e meno inquinamento

Per stare bene è importante bere molto - almeno 6-8 bicchieri d'acqua al giorno - e anche di più se fa caldo, abbiamo fatto o stiamo facendo sport, o abbiamo la febbre.

A volte capita che quando ci accorgiamo di avere sete le perdite di acqua (col sudore e le urine, ad esempio) sono già state abbondanti. È utile, allora, ricordarci di bere spesso, senza aspettare che ci venga il senso di sete: questo vale per tutti, ma soprattutto per gli anziani e i bambini. Dalle Linee guida per una sana alimentazione italiana - INRAN

  Link esterno

A partire dal 1958, nell'ambito della sua attività sull'acqua potabile e salute, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato - ad intervalli di 10 anni - diverse edizioni prima degli Standard internazionali per l'acqua potabile e, successivamente, delle Linee Guida per la qualità dell'acqua potabile (Guidelines for Drinking-water Quality, World Health Organization – WHO).

Le Linee Guida rappresentano un valido strumento, una base scientifica ed operativa, destinato a coloro che si occupano di acqua, di salute, di politica, e a chiunque sia interessato a queste tematiche.

Scarica Link a pdf esterno

Il campo di applicazione delle linee guida, in accordo con quanto individuato nel D.M. 25/2012 (art. 1, comma 1), riguarda le "apparecchiature tendenti a modificare le caratteristiche dell'acqua potabile distribuita sia in ambito domestico che nei pubblici esercizi".

Pertanto queste linee guida vanno applicate alle apparecchiature impiegate per modificare le caratteristiche dell'acqua destinata al consumo umano con cui essi interagiscono, sia che l'acqua trattata venga destinata al consumatore finale in ambiente domestico o in ambienti ed edifici a uso collettivo, o anche in strutture aperte al pubblico che operino erogazione di acqua trattata, sia che l'acqua venga impiegata nella produzione alimentare o fornita alla clientela di attività di ristorazione o pubblici esercizi

Scarica (.pdf) 0,6 Mb

Livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia e nutrienti per la popolazione italiana.

Revisione 1996 a cura di società italiana di nutrizione umana

  Link esterno

Bollettino delle giunte e delle commissioni parlamentari

Relazione sull’inquinamento da sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) in alcune aree della regione Veneto

Scarica (.pdf) 5 Mb

Le linee guida intendono potenziare e armonizzare la qualità dei contenuti informativi e pubblicitari in adempimento agli obblighi previsti dal DM 25/2012.

Sono state elaborate al fine di contribuire a garantire un’adeguata informazione diretta principalmente ai consumatori sulla valutazione dell’eventuale adozione di apparecchiature di trattamento di acque destinate al consumo umano, supportando le scelte sulla base di evidenze tecnico-scientifiche aggiornate

Scarica (.pdf) 1,4 Mb

Risultati analitici del monitoraggio 2014 delle acque destinate al consumo umano nella Regione Veneto.

I SIAN delle Aziende ULSS e i laboratori di ARPAV hanno mantenuto la sorveglianza sanitaria sull’acqua distribuita da 706 reti acquedottistiche venete e sull’acqua di alcuni approvvigionamenti autonomi di rilevanza pubblica (246).

Nel 2014 sono stati visitati 3746 siti di controllo ubicati in 580 comuni. Sono stati raccolti 7918 campioni ed eseguite 195903 analisi di 230 parametri chimici, fisici e microbiologici.

Scarica (.pdf) 12 Mb

Nel rapporto sono elaborati e presentati i risultati analitici del monitoraggio 2015 delle acque destinate al consumo umano nella Regione Veneto.

I SIAN delle Aziende ULSS e i laboratori di ARPAV hanno mantenuto la sorveglianza sanitaria sull’acqua distribuita da 716 acquedotti e sull’acqua di alcuni approvvigionamenti autonomi a rilevanza pubblica (225).

Nel 2015 sono stati visitati 3.783 siti di controllo in tutto il Veneto. Sono stati raccolti 7.676 campioni ed eseguite 194.868 analisi di 253 parametri chimici, fisici e microbiologici.

Scarica (.pdf) 11,2 Mb
 
Ultimo aggiornamento: 06/12/2018
Condividi questa pagina:
Contatti